I primi insediamenti umani risalgono al periodo paleolitico e mesolitico ed i primi abitanti stabili appartengono all’epoca preromana (reti o reto-veneti, fondatori dell’insediamento di Bostel di Rotzo).

Diverse teorie riferiscono la tradizione linguistica locale definita “cimbra” ai Cimbri antichi, ai Goti o ad altri “barbari”, compresa forse l’influenza longobarda. La maggioranza della comunità scientifica riconduce invece l’origine dei cimbri alla discesa dalla Germania meridionale, dall’anno mille al XIII secolo, di gruppi di famiglie provenienti per lo più dall’area linguistica bavaro-tirolese.

La Federazione dei Sette Comuni

« Opera d’arte era il modo di vivere e la libertà difesa giorno per giorno.Dicevano ed avevano scritto:Slege un Lusaan, Genewe un Wüsche, Ghelle, Rotz, Rowaan: Dise saint Siben, Alte Komeun, Prüdere Liben
(Asiago e Lusiana – Enego e Foza – Gallio, Rotzo, Roana: Questi sono i Sette Antichi Comuni, Fratelli Cari
) »

(Mario Rigoni Stern)

Gli altopianesi hanno sempre avuto un rapporto diretto con la famiglia degli Ezzelini anch’essa d’origine germanica, con cui fu stipulata un’alleanza. Così con la caduta degli Ezzelini, all’inizio del 1300, le popolazioni dell’altopiano si unirono in una federazione tra i Comuni, per governare in modo il più possibile autonomo la loro vita e difendere le loro Freiheiten, termine traducibile in privilegi o esenzioni fiscali.

 

 

 

Continua…